ALEX TERZARIOL la realtà di un sogno a dream became reality

Inaugurazione | venerdì 16 settembre 2016 | ore 18
Durata della mostra |  17/9  –  29/10/2016
Orari d´apertura | ma-sa ore 9.30-12, 15.30-18 | do e lu chiuso

“Un sognatore è colui che può trovare la sua strada al chiaro di luna e vedere l’alba prima del resto del mondo” così scriveva Oscar Wilde a proposito di quelli che hanno sempre avuto un sogno e con quello sono cresciuti.

Nasce forse con queste premesse il sogno di Alex Terzariol che con occhi curiosi guardava il mondo degli oggetti intorno a lui, interrogandosi se fosse possibile migliorarli.
Immaginava di poter entrare in contatto con loro, analizzarli, studiarli e modificarli o, magari, riprogettarli.
Non sapeva ancora che tutto questo faceva parte della disciplina del design; il suo approccio era spontaneo, quasi istintivo, e nasceva dalla sua ambizione di innovare.
Sarà Milano a guidare questa sua vocazione, apprendendo all’Istituto Europeo di Design successivamente presso lo studio di Rodolfo Bonetto le buone prassi per progettare con gusto, fantasia e etica.
Quello che prima era solo un sogno inizia a prendere forma con il passare degli anni e diventa per lui realtà.
Con alcuni colleghi, infatti, apre lo studio MM Design di cui oggi è titolare guidando la parte creativa del team di designers.
Lavora da più di vent’anni in diversi settori della produzione industriale con aziende di livello internazionale in Europa e da alcuni anni anche in Brasile.
Ha sempre associato alla professione la passione per l’insegnamento e per i giovani.
E’ stato visiting professor all’Istituto Europeo di Design a Milano e successivamente entra a far parte  del corpo docenti e del comitato scientifico dell’Accademia di Design di Bolzano, oggi Facoltà di Design e Arti. Ha insegnato a Treviso e Venezia allo IUAV e ha tenuto corsi sul Social Design allo IED a Sao Paulo in Brasile.
Sogna di poter fare di più per una professione che ancora fatica a essere riconosciuta e si impegna in prima persona diventando presidente della delegazione ADI Associazione del Design Industriale per il Nord-Est. Diviene successivamente membro del comitato esecutivo a Milano con delega all’internazionalizzazione, potendo discutere così con le istituzioni nazionali e mondiali.
Disegna oggetti di tutti i tipi, dalla macchine da caffè agli interni di elicotteri, dagli scarponi da sci agli attrezzi per il lavoro e per il settore medicale, cercando sempre di migliorare le prestazioni e le funzioni d’uso.
Attraverso il design cerca di innovare, di cambiare paradigmi, di ricercare soluzioni per rendere gli oggetti più ergonomici e facili da utilizzare, di scegliere e applicare nuovi materiali e nuove tecnologie negli oggetti che progetta.
Al pragmatismo e alla professionalità si uniscono, infatti, la voglia di sperimentare, di non accontentarsi mai, di essere curioso e alla rincorsa dei sogni.
Questo approccio al design è inteso non solo come forma estetica ma come mix di elementi ben combinati capaci di decretarne il successo.
Quest’ultimo è testimoniato dalle vendite e dai prestigiosi premi internazionali vinti con il suo team.
Grazie al design il sogno di un mondo migliore può divenire realtà.